Dental Biomed
Studi Medici ed Odontoiatrici

Cerca

Chirurgia Odontoiatrica: preparazione e recupero.

Linee guida per il paziente per affrontare con serenità l’intervento. 
Ne parliamo insieme alle nostre Aso: Manila, Diandra e Ilaria 

Come prepararsi a un intervento di chirurgia odontoiatrica: 

  • una bocca pulita è fondamentale, l’ideale sarebbe sottoporsi a una seduta di igiene la settimana prima dell’estrazione, o al massimo averla effettuata entro due mesi 
  • è consigliabile fare un pasto nutriente prima dell’intervento, perchè non si potrà mangiare nelle ore immediatamente successive e l’anestesia locale non esige il digiuno
  • prima dell’intervento l’odontoiatra prescriverà una terapia antibiotica e antinfiammatoria ad hoc

Come comportarsi dopo un intervento di chirurgia odontoiatrica?
E’ fondamentale attenersi alle linee guida che verranno consegnate dalle assistenti:

  • applicare ghiaccio, il più possibile durante la prima giornata, alternando applicazioni da 10-15 minuti a momenti di pausa
  • il giorno stesso dell’intervento mangiare alimenti freddi e morbidi. Evitare comunque cibi duri, croccanti e ricchi di semini fino alla rimozione delle suture
  • in caso di leggero sanguinamento tamponare con una garzina sterile
  • dal giorno successivo effettuare sciacqui con un collutorio a base di clorexidina ad alta concentrazione
  • proseguire con la terapia farmacologica (antibiotico, antinfiammatorio, cortisone…) secondo le indicazioni del dentista
  • non fumare assolutamente nei 3 giorni successivi (il fumo oltre a danneggiare tutto l’organismo rallenta il processo di guarigione) 
  • evitare attività sportiva intensa per 48 ore

Per qualunque dubbio non esitate e chiamate lo studio dentistico, saremo liete di darvi, insieme alle dottoresse, ulteriori indicazioni che possano tranquillizzarvi durante il breve decorso. 

Cosa posso mangiare dopo un intervento?
Nei giorni successivi dovremmo evitare: cibi duri, gommosi, piccanti, fritti o molto saporiti.

La masticazione di cibi duri o gommosi richiede infatti molto “lavoro” nel cavo orale; in più vi è il rischio elevato che frammenti di cibo vadano a impattare sulla ferita destabilizzandola e contaminandola fino ad ostacolare la cicatrizzazione e il processo di guarigione.

I cibi piccanti o molto saporiti possono causare irritazione alla ferita e dunque dolore.
E’ preferibile quindi consumare alimenti a basso contenuto di acidi. 
E’ anche preferibile non assumere frutta con la buccia e con i semi. I semi sono difficili da masticare e possono insinuarsi nella ferita. 

Alcuni alimenti consigliati sono:

  • Purea di frutti di bosco (senza buccia e senza semi)
  • Banane mature
  • Fette di avocado maturo
  • Frutta cotta
  • Succhi di frutta
  • Verdure cotte
  • Puré di patate
  • Semolino
  • Vellutate
  • Creme di verdura
  • Crema di zucca
  • Pomodori maturi spellati e privi di semi
  • Uova strapazzate
  • Latte
  • Crema di formaggio o formaggio morbido
  • Tofu
  • Maionese
  • Polpette di carne di vitello, manzo e agnello teneri
  • Polpette di carne di pollo o tacchino
  • Tonno, salmone o altro pesce
  • Farina d’avena (o una farina senza glutine per celiaci o intolleranti)
  • Minestra di cereali
  • Pasta
  • Crepes
  • Pane morbido senza crosta
  • Toast alla francese senza crosta
  • Brodo
  • Zuppe vegetali
  • Frappé
  • Gelati
  • Caffè
  • Infusi vari

Dopo l’intervento è comunque molto importante prestare attenzione quando si mastica facendo in modo che il bolo alimentare resti lontano dalla ferita. 
Nella prima giornata è assolutamente vietato mangiare cibi caldi. 

Se il vostro regime alimentare lo consente potete poi gustare tranquillamente:

  • Gelati
  • Sorbetti
  • Dolci gelatinosi
  • Mousse di frutta
  • Crema pasticcera
  • Miele
  • Zuppa inglese
  • Budino
  • Cioccolato fuso
  • Torta soffice senza nocciole o frutta secca
  • Biscotti morbidi

Gradualmente poi si può iniziare ad inserire nella dieta cibi leggermente più consistenti come ad esempio polpettone. Tuttavia ciascun individuo ha i propri tempi di guarigione, pertanto sarà il dentista a consigliare la dieta più adeguata.

Lascia un commento

Scrivici

Articoli recenti

Seguici su:

Torna in alto